Chi sono

Mi occupo di sistemi di gestione per la qualità e accreditamento in ambito socio-sanitario e della formazione, di costruzione di reti, partnership e processi partecipativi, progetti di sviluppo in ambito nonprofit, di servizi alla persona e fundraising. Lo faccio da oltre quindici anni, avendo maturato esperienza di gestione diretta e di consulenza in molte organizzazioni, sia a livello locale che nazionale. Continua a leggere »

Servizi

Scopri come posso aiutare la tua Organizzazione a crescere con servizi di consulenza e formazione interna.

Qualità

Un servizio di consulenza per le organizzazioni per la costruzione di sistemi di gestione di qualità.

Continua a leggere »

Progettazione

Progettazione per la ricerca di finanziamenti da Fondazioni, Enti locali e Fondi Strutturali.

Continua a leggere »

Networking

Progettazione e strutturazione di reti associative con analisi tecnica delle caratteristiche.

Continua a leggere »

Nonprofit

Strategie per la strutturazione di raccolte fondi a supporto delle associazioni nonprofit.

Continua a leggere »

Perché scegliere la mia consulenza

Credi che la tua associazione non abbia bisogno di un consulente? Ecco i tre buoni motivi per cui dovresti cambiare idea…
Continua a leggere »

Le soluzioni

Le richieste e i problemi organizzativi e di sviluppo che generalmente pongono le organizzazioni, sono complessi e richiedono competenze e risposte multi-disciplinari.

Il metodo

Una consulenza studiata per la crescita interna dell’associazione e la formazione del personale. che garantisca una continuità al lavoro svolto.

Pricing

Un pricing chiaro e sostenibile, basato su una preventivazione personalizzata dei costi, completa lo stile con il quale mi propongo ai Clienti.

Richiedi informazioni

Richiedi ora maggiori informazioni sui servizi di consulenza e affiancamento per la tua Organizzazione.

Contattami

Ultime notizie

Uno sguardo sulle ultime novità per le Organizzazioni Non Profit, la ricerca e la raccolta di fondi e gli accreditamenti per la qualità

Conferenza Regionale Terzo Settore: appuntamento il 9 febbraio

“Grande successo di adesioni alla prima Conferenza regionale del terzo settore. Raggiunto prima del termine il numero massimo di 720 iscritti. Ad oggi le iscrizioni sono quindi chiuse ma si ricorda che sono aperte a tutti – senza necessità di iscriversi – le sessioni plenarie della mattina e del pomeriggio.” Ne dà notizia il sito di CESVOT che prosegue:

“La Conferenza si svolgerà sabato 9 febbraio a Firenze, presso il Mandela Forum, dalle ore 9.00 alle 18.00. Un grande appuntamento promosso da Regione Toscana, in collaborazione con Forum Terzo Settore Toscana e Cesvot, che vedrà 30 gruppi di lavoro (tre per ogni ambito tematico) discutere di 10 temi riguardanti l’identità, i bisogni e i servizi degli enti del terzo settore anche alla luce della recente riforma e dei decreti applicativi.

In allegato la presentazione di ciascun tema con i principali punti intorno a cui ruoterà la discussione di gruppo e una bibliografia e sitografia di riferimento.

Ai gruppi di lavoro parteciperanno 720 rappresentanti del terzo settore toscano che potranno, in modo circolare, discutere e condividere proposte e idee. Tutti i contributi saranno quindi raccolti in 10 documenti di sintesi, uno per ogni ambito tematico, e andranno a costituire il documento finale della Conferenza.

Di seguiti i temi dei gruppi di lavoro:

  1. Identità, forma associativa, responsabilità e interesse generale
  2. Rapporti terzo settore/enti pubblici: dai registri vigenti al Registro unico del terzo settore
  3. Rapporti terzo settore/enti pubblici: il ruolo complessivamente svolto dal terzo settore nel welfare e nello sviluppo locale
  4. Rapporti terzo settore/enti pubblici: co-programmazione, co-progettazione e convenzioni
  5. Ruolo e apporto del volontariato nel terzo settore
  6. Ciclo di vita, rapporti intergenerazionali e giovani nel terzo settore
  7. Formazione per il terzo settore
  8. Misurazione dei risultati e trasparenza per il terzo settore: dal bilancio d’esercizio al bilancio sociale e alle valutazioni d’impatto sociale
  9. Accesso al credito e strumenti finanziari per il terzo settore
  10. Terzo settore e impresa sociale”

In particolare il tema n.9 Accesso al credito e strumenti finanziari per il terzo settore ci vedrà impegnati nel ruolo di coordinatori di uno dei tavoli di lavoro. Nelle prossime newsletter daremo ampio spazio anche agli esiti della Conferenza che crediamo possano raccogliere interventi e proposte utili per il rafforzamento delle politiche regionali in questo ambito.

Nasce in Toscana il Forum delle associazioni delle persone con disabilità

“Nasce in Toscana il Forum delle associazioni delle persone con disabilità. Lo costituisce una delibera presentata dall’assessore al diritto alla salute e al welfare Stefania Saccardi e approvata dalla giunta nel corso dell’ultima seduta.” – così l’articolo pubblicato sul sito web della Regione Toscana, che prosegue:

“Al Forum potranno partecipare tutte le associazioni di persone con disabilità attive in Toscana. Per la sua costituzione verranno individuate forme e modalità adeguate per garantire la massima partecipazione dei rappresentanti delle associazioni. Il Forum sarà presieduto e convocato dal presidente della Regione, e si riunirà due volte l’anno per un confronto sullo stato di attuazione delle politiche sulla disabilità. Nell’ambito del Forum, i rappresentanti delle associazioni eleggeranno i componenti della Consulta regionale per la disabilità.

“In Toscana portiamo avanti da tempo politiche per i diritti, l’autonomia, l’accessibilità, l’inclusione delle persone con disabilità – commenta l’assessore Stefania Saccardi – E per farlo, cerchiamo sempre di coinvolgere le persone disabili, per capire direttamente dalle loro esperienze quali possono essere le scelte migliori e più adeguate. La costituzione del Forum sicuramente ci consentirà di fare un ulteriore passo avanti in questa direzione, grazie al confronto con le associazioni e all’ascolto dei rappresentanti delle persone disabili”.

Per dare la massima visibilità alla costituzione del Forum, sul sito della Regione Toscana sarà pubblicato un avviso con le indicazioni e il termine per manifestare la volontà di adesione al Forum da parte delle associazioni.

Per la realizzazione di tutte le attività relative alla costituzione e al funzionamento del Forum, è prevista la collaborazione con il Centro Regionale Accessibilità (CRA).

Secondo i dati Cesvot 2018, in Toscana sono attive 473 organizzazioni di volontariato che si occupano a vario titolo di disabilità, e 216 di promozione sociale. Quanto ai dati sulle persone disabili, il Rapporto dell’Osservatorio 2017 “Welfare e Salute in Toscana” (fonte Istat 2016) parla di 171.191 persone dai 6 anni in su con limitazione funzionale.”

Piano sanitario e sociale 2018-2020 approvato dalla giunta. Al via l’iter in Consiglio

“Varato dalla giunta il nuovo Piano sanitario e sociale integrato regionale 2018-2020, che delinea le strategie sanitarie e sociali della Regione fino alla fine della legislatura. Il Piano è stato approvato nella seduta di giunta di lunedì, ora dovrà seguire l’iter canonico, passando prima in commissione sanità del Consiglio regionale, poi in aula.” – ne ha dato notizia il sito della Regione Toscana lo scorso 23 gennaio

“La redazione del PSSIR” – prosegue la nota – “ha richiesto un grande lavoro, che ha coinvolto tutti i settori dell’assessorato e, secondo un preciso cronoprogramma, una lunga fase di ascolto e partecipazione, con incontri con i direttori generali delle Aziende sanitarie e ospedaliero-universitarie, le Conferenze dei sindaci, le Università, le associazioni dei pazienti, il Forum disabilità, il volontariato e la cooperazione sociale, le organizzazioni sindacali, l’Anci, gli ordini professionali, l’organismo di governo clinico dell’assessorato.

“La sanità toscana è pubblica e universalistica – dice il presidente Enrico Rossi -, e queste caratteristiche connotano fortemente anche questo Piano sanitario e sociale. Abbiamo fatto grandi passi avanti nella direzione dell’appropriatezza, la spesa è sotto controllo, fondamentale è il ruolo e la valorizzazione del terzo settore. La riforma del sistema sanitario toscano, lo sviluppo delle reti cliniche, hanno consentito di salvare molte vite in più, si sono allungate le aspettative di vita e gli esiti di cura nei nostri ospedali sono eccellenti. Con questo Piano, vogliamo far sì che tutto questo migliori ancora”.

“Il 2018 è stato un anno importante, in cui si sono celebrati anniversari fondamentali – sottolinea l’assessore Stefania Saccardi – Sono 40 anni dalla promulgazione della legge 833 istitutiva del servizio sanitario nazionale; dall’approvazione della legge Basaglia sulla riforma dell’assistenza psichiatrica; dalla legge 194 per la tutela sociale della maternità e sull’interruzione volontaria di gravidanza; dalla dichiarazione di Alma Ata dell’Oms sull’assistenza sanitaria primaria come strategia per ottenere un miglior livello di salute della popolazione. E si celebrano anche i 70 anni della Costituzione, il cui articolo 32 sancisce il diritto alla salute. La Regione Toscana ha voluto celebrare degnamente questi anniversari, che hanno profondamente inciso sulla sanità pubblica e sul sistema di welfare, con l’approvazione del nuovo PSSIR 2018-2020″.

“La Toscana – prosegue l’assessore – ha una lunga tradizione di rispetto dei diritti civili e sociali, di promozione delle buone pratiche e di coinvolgimento partecipativo dei cittadini e dei professionisti. Lo sforzo programmatorio fatto per la realizzazione di questo Piano cade però in un periodo di grande incertezza economica e politica. Far fronte a questa situazione, significa da un lato evitare ogni forma di spreco, dall’altro perseguire fermamente e costantemente l’appropriatezza delle cure e dei percorsi di intervento socio-sanitari”.

Nell’intenzione dei suoi redattori, il nuovo Piano vuole essere un agile strumento di programmazione socio-sanitaria: un Piano snello, sintetico, di facile lettura e immediata comprensione, con parole chiave e obiettivi. E ancora più forte e più operativa è stata resa l’integrazione tra le politiche sociali e le politiche sanitarie.

Tante le sfide lanciate dal Piano, dalla riduzione delle disuguaglianze di salute e sociali, alla gestione della cronicità, dall’alleanza con i cittadini, alle cure nell’ultima fase della vita. E ogni intervento è declinato per target, in base all’età e alla condizione dei destinatari.

Il Piano si concentra su 8 grandi obiettivi strategici (driver), che rappresentano le forti linee di indirizzo cui il PSSIR è ispirato. Ciascun driver ha un messaggio chiave:

1) Ridurre le disuguaglianze di salute e sociali. Messaggio chiave: Equità e giustizia sociale: non solo contrasto alle disuguaglianze e accoglienza delle differenze, ma anche centralità di persone, famiglie e comunità nelle politiche per la salute e sociali.
2) Gestire la cronicità. La cronicità e la salute al nostro tempo: il sistema sociosanitario si ridisegna, la comunità si organizza e il cittadino si rafforza.
3) Sviluppare nuovi modelli di ‘care’. Interpretare e trarre il massimo dalle migliori esperienze disponibili per un sistema sociosanitario regionale moderno e a misura di cittadino.
4) Accelerare l’utilizzo dell’innovazione e sfruttare la rivoluzione dell’informazione. Supportare e abilitare la trasformazione del sistema sanitario e sociale con un utilizzo pervasivo della tecnologia per una reale rivoluzione digitale.
5) Creare una nuova relazione con i cittadini e le comunità per un sistema di salute e di welfare etico e partecipato. Il cittadino protagonista degli atti di cura per valorizzare risorse, identificare bisogni e fornire risposte adeguate anche sotto il profilo dei valori individuali.
6) Ridisegnare le competenze e sostenere le ‘avanguardie’ per sviluppare una forza lavoro moderna e flessibile. La medicina moderna esige un adattamento professionale ai criteri gestionali di un’impresa complessa e costosa. Scopo primario è il perseguimento dell’equilibrio decisionale (la governance) tra tutti gli attori in causa nella gestione del sistema.
7) Creare una nuova alleanza con i cittadini per preservare il nostro sistema sociosanitario. La sostenibilità del sistema pubblico è fortemente legata alle scelte di appropriatezza fatte da operatori e da cittadini, che lavorano in squadra per preservare l’universalità del nostro sistema sanitario, prendendo decisioni basate sul valore e sulla qualità, al fine di mantenere il sistema per le generazioni future.
8) Pianificare in maniera condivisa le cure nell’ultima fase della vita. Partecipazione e scelta per il diritto alla tutela della salute e nel rispetto della dignità della persona e della qualità di vita nell’ultima fase di malattia.

L’articolazione prosegue poi con la definizione di questi driver, articolandone le azioni su 11 destinatari (target), che ricomprendono nel loro insieme la popolazione di riferimento distinta per età, fasi della vita e/o particolari condizioni di malattia: bambini, genitori, giovani, donne, anziani, disabili, stranieri, ecc.”

Il testo integrale del PSSIR 2018-2020

Le slide di sintesi