Chi sono

Mi occupo di sistemi di gestione per la qualità e accreditamento in ambito socio-sanitario e della formazione, di costruzione di reti, partnership e processi partecipativi, progetti di sviluppo in ambito nonprofit, di servizi alla persona e fundraising. Lo faccio da oltre quindici anni, avendo maturato esperienza di gestione diretta e di consulenza in molte organizzazioni, sia a livello locale che nazionale. Continua a leggere »

Servizi

Scopri come posso aiutare la tua Organizzazione a crescere con servizi di consulenza e formazione interna.

Qualità

Un servizio di consulenza per le organizzazioni per la costruzione di sistemi di gestione di qualità.

Continua a leggere »

Progettazione

Progettazione per la ricerca di finanziamenti da Fondazioni, Enti locali e Fondi Strutturali.

Continua a leggere »

Networking

Progettazione e strutturazione di reti associative con analisi tecnica delle caratteristiche.

Continua a leggere »

Nonprofit

Strategie per la strutturazione di raccolte fondi a supporto delle associazioni nonprofit.

Continua a leggere »

Perché scegliere la mia consulenza

Credi che la tua associazione non abbia bisogno di un consulente? Ecco i tre buoni motivi per cui dovresti cambiare idea…
Continua a leggere »

Le soluzioni

Le richieste e i problemi organizzativi e di sviluppo che generalmente pongono le organizzazioni, sono complessi e richiedono competenze e risposte multi-disciplinari.

Il metodo

Una consulenza studiata per la crescita interna dell’associazione e la formazione del personale. che garantisca una continuità al lavoro svolto.

Pricing

Un pricing chiaro e sostenibile, basato su una preventivazione personalizzata dei costi, completa lo stile con il quale mi propongo ai Clienti.

Richiedi informazioni

Richiedi ora maggiori informazioni sui servizi di consulenza e affiancamento per la tua Organizzazione.

Contattami

Ultime notizie

Uno sguardo sulle ultime novità per le Organizzazioni Non Profit, la ricerca e la raccolta di fondi e gli accreditamenti per la qualità

Al via la formazione per start up di impresa

Partono nella settimana del 21 gennaio 2019 due moduli formativi dedicati al fundraising per le PMI, in particolare per allievi under 30 e over 30 finanziato dalla Regione Toscana e organizzato dall’Agenzia Formativa Toscana Formazione.

Nell’ambito del percorso formativo diretto a sostenere i percorsi di start up di impresa, saremo impegnati nella docenza e nell’accompagnamento delle idee imprenditoriali sui temi del fundraising per le PMI. Ecco un’anticipazione dei temi dei quali ci occuperemo:

Introduzione metodologica. Il modulo prevede un lavoro introduttivo sui seguenti aspetti metodologici:

  • Lavorare per progetti per l’accesso a risorse su call/avvisi: dal monitoraggio, all’analisi dell’avviso, alla selezione di idee e bandi sui quali progettare
  • Predisporre e gestire un piano di progetto: dalla pianificazione, al riesame, alla verifica fino alla validazione del progetto
  • Elementi introduttivi di project cycle management: alcuni strumenti necessari alla progettazione, dal project charter, al WBS, al diagramma di Gantt, al budget, ai piani ausiliari
  • La gestione e la rendicontazione del progetto: elementi trasversali utili per impostare adeguatamente il progetto

Le opportunità di finanziamento su bandi. Il modulo, seguendo didatticamente, quanto proposto dalla Guida di orientamento agli incentivi per le imprese della Regione Toscana introdurrà ad alcune misure, quanto più possibili aderenti alle idee imprenditoriali emerse nel primo incontro formativo, sui seguenti ambiti:

  • Avviare un’impresa
  • Ambiente
  • Investimenti materiali, immateriali, R&S
  • Assumere e formare professionalmente
  • Internazionalizzare
  • Agricoltura, sviluppo rurale
  • Programmi a gestione diretta della Commissione Europea

Business Angel, Venture capitalist, Crowdfunding reward ed equity based. Il modulo è diretto a introdurre a canali di ricerca di risorse di investimento ma non solo:

  • i business angel e i venture capitalist: chi sono, differenze, come operano
  • il crowdfunding reward based: un’opportunità anche per le imprese, gli elementi di base per costruire un progetto
  • il crowdfunding equity based: un’opportunità per la ricerca di capitali di rischio, la normativa di riferimento

Finanziamenti per start up e nuove imprese

Il bando, promosso dalla Regione Toscana, mira ad “Agevolare  l’avvio  di micro  e piccole imprese artigiane,  industriali  manifatturiere,   nonché   del   settore   turistico,   commerciale,   cultura   e   terziario, attraverso   lo   strumento finanziario   del   microcredito.   con   l’obiettivo   di   consolidare   lo   sviluppo economico ed accrescere i livelli di occupazione giovanile, femminile e dei destinatari di ammortizzatori sociali. Sono queste le finalità del bando “Ceazione impresa giovanile, femminile e dei destinatari di ammortizzatori sociali” approvato dalla Regione Toscana con decreto dirigenziale n. 13454 del 22 agosto 2018.

Il bando è cofinanziato dal Programma operativo regionale (Por) del Fondo europeo di sviluppo regionale (Fesr) 2014-2020 ed in particolare dalle risorse assegnate all’azione 3.5.1 (asse 3 Promuovere la competitività delle Pmi) del programma, e rientra nel progetto regionale Giovanisì. ”

A questo link tutte le informazioni sul bando e sulle modalità di partecipazione

Bando ISI Inail

Ne dà notizia il sito INAIL,  il 20 dicembre scorso è stato pubblicato l’Avviso pubblico Isi 2018

Obiettivi dell’Avviso ISI 2018

Il bando ha l’obiettivo:

  • “di incentivare le imprese a realizzare progetti per il miglioramento documentato delle condizioni di salute e di sicurezza dei lavoratori;
  • di incentivare le microimprese e le piccole imprese operanti nel settore della produzione agricola primaria dei prodotti agricoli per l’acquisto di nuovi macchinari ed attrezzature di lavoro caratterizzati da soluzioni innovative per abbattere in misura significativa le emissioni inquinanti, ridurre il livello di rumorosità o del rischio infortunistico o di quello derivante dallo svolgimento di operazioni manuali, ciò al fine di soddisfare l’obiettivo del miglioramento del rendimento e della sostenibilità globali dell’azienda agricola mediante una riduzione dei costi di produzione o il miglioramento e la riconversione della produzione assicurando, al contempo, un miglioramento delle condizioni di salute e sicurezza dei lavoratori.

Fondi a disposizione
Con l’Avviso pubblico Isi 2018 Inail mette a disposizione Euro 369.726.206,00 suddivisi in 5 Assi di finanziamento, differenziati in base ai destinatari

  • Asse 1 (Isi Generalista) euro 182.308.344,00 ripartiti in:
    • Asse.1.1 euro 180.308.344,00 per i progetti di investimento
    • Asse 1.2 euro 2.000.000,00 per i progetti per l’adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale;
  • Asse 2 (Isi Tematica) euro 45.000.000,00 per i progetti per la riduzione del rischio da movimentazione manuale di carichi (MMC);
  • Asse 3 (Isi Amianto) euro 97.417.862,00 per i progetti di bonifica da materiali contenenti amianto;
  • Asse 4 (Isi Micro e Piccole Imprese) euro 10.000.000,00 per i progetti per micro e piccole imprese operanti in specifici settori di attività (Ateco 2007 A03.1, C13, C14, C15);
  • Asse 5 (Isi Agricoltura) euro 35.000.000,00 per i progetti per le micro e piccole imprese operanti nel settore della produzione agricola primaria dei prodotti agricoli, così suddivisi:
    • Asse 5.1 euro 30.000.000,00: per la generalità delle imprese agricole
    • Asse 5.2 euro 5.000.000,00: riservato ai giovani agricoltori, organizzati anche in forma societaria.

I finanziamenti sono a fondo perduto e vengono assegnati fino a esaurimento delle risorse finanziarie, secondo l’ordine cronologico di ricezione delle domande.

Relativamente agli Assi 1 (sub Assi 1.1. e 1.2), 2, 3 è concesso un finanziamento in conto capitale nella misura del 65% calcolato sull’importo delle spese ritenute ammissibili. Il finanziamento massimo erogabile è pari a 130.000,00 Euro e il finanziamento minimo ammissibile è pari a 5.000,00 Euro. Per le imprese fino a 50 dipendenti che presentano progetti per l’adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale (sub Asse 1.2) non è fissato il limite minimo di finanziamento.

Relativamente all’Asse 4 è concesso un finanziamento in conto capitale nella misura del al 65% calcolato sull’importo delle spese ritenute ammissibili. Il finanziamento massimo erogabile è pari a 50.000,00 Euro ed il finanziamento minimo ammissibile è pari a 2.000,00 Euro.

Relativamente all’Asse 5 (Asse 5.1 ed Asse 5.2) è concesso un finanziamento in conto capitale nella misura del:

  • 40% per i soggetti destinatari dell’Asse 5.1 (generalità delle imprese agricole);
  • 50% per i soggetti destinatari dell’Asse 5.2 (giovani agricoltori); calcolato sull’importo delle spese ritenute ammissibili, comunque non superiore a Euro 60.000,00 non inferiore a Euro 1.000,00.

Soggetti destinatari

Asse 1 (sub Assi 1.1 e 1.2):
Per i progetti di investimento e per i progetti per l’adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale i soggetti destinatari dei finanziamenti sono esclusivamente le imprese, anche individuali, ubicate su tutto il territorio nazionale iscritte al registro delle imprese o all’albo delle imprese artigiane, in possesso dei requisiti di cui all’Avviso pubblico ISI 2018.
Sono escluse:

  • le micro e piccole imprese anche individuali, operanti nei settori Pesca (codice Ateco 2007 A03.1) e Tessile-Confezione-Articoli in pelle e calzature (codici Ateco 2007 C13, C14 e C15);
  • le micro e piccole imprese, comprese quelle individuali, operanti nel settore della produzione agricola primaria dei prodotti agricoli.

Asse 2:
Per i progetti per la riduzione del rischio da movimentazione manuale dei carichi i soggetti destinatari dei finanziamenti sono:

  • le imprese, anche individuali, ubicate su tutto il territorio nazionale iscritte al Registro delle Imprese o all’albo delle imprese artigiane, in possesso dei requisiti di cui all’Avviso pubblico ISI 2018;
  • gli Enti del terzo settore in possesso dei requisiti di cui all’Avviso pubblico ISI 2018.

Non sono destinatarie dei finanziamenti per i progetti per la riduzione del rischio da movimentazione manuale dei carichi:

  • le micro e piccole imprese anche individuali, operanti nei settori Pesca (codice Ateco 2007 A03.1) e Tessile-Confezione-Articoli in pelle e calzature (codici Ateco 2007 C13, C14 e C15);
  • le micro e piccole imprese, comprese quelle individuali, operanti nel settore della produzione agricola primaria dei prodotti agricoli.

Asse 3:
Per i progetti di bonifica da materiali contenenti amianto i soggetti destinatari dei finanziamenti sono esclusivamente le imprese, anche individuali, ubicate su tutto il territorio nazionale iscritte al registro delle imprese o all’albo delle imprese artigiane, in possesso dei requisiti di cui all’Avviso pubblico ISI 2018.
Non sono destinatarie dei finanziamenti per i progetti di bonifica da materiali contenenti amianto:

  • le micro e piccole imprese, comprese quelle individuali, operanti nel settore della produzione agricola primaria dei prodotti agricoli.

Asse 4:
Per i progetti per micro e piccole imprese operanti in specifici settori di attività i soggetti destinatari dei finanziamenti sono esclusivamente le micro e piccole imprese, anche individuali, ubicate su tutto il territorio nazionale iscritte alla Camera di commercio industria, artigianato e agricoltura, in possesso dei requisiti di cui all’Avviso pubblico ISI 2018 operanti nei settori Pesca (codice Ateco 2007 A03.1) e Tessile-Confezione-Articoli in pelle e calzature (codici Ateco 2007 C13, C14 e C15).

Asse 5:
Per i progetti per le micro e piccole imprese operanti nel settore della produzione agricola primaria dei prodotti agricoli i soggetti destinatari dei finanziamenti sono esclusivamente le micro e piccole imprese, operanti nel settore della produzione agricola primaria dei prodotti agricoli, iscritte nella sezione speciale del Registro delle imprese o all’Albo delle società cooperative di lavoro agricolo, in possesso dei requisiti di cui all’Avviso pubblico ISI 2018 nonché della qualifica di imprenditore agricolo di cui all’articolo 2135 del codice civile e titolari di partita IVA in campo agricolo, qualificate come:

  • Impresa individuale,
  • Società agricola,
  • Società cooperativa.

Le imprese destinatarie dell’Asse 5.2 (giovani agricoltori) devono inoltre avere al loro interno la presenza di giovani agricoltori come indicato dall’Avviso pubblico ISI 2018.

Accesso alla procedura online
Le domande devono essere presentate in modalità telematica, secondo le seguenti 3 fasi successive:

  1. accesso alla procedura online e compilazione della domanda (sito internet www.inail.it) da effettuarsi con i tempi e le modalità indicati dall’Avviso pubblico ISI 2018;
  2. invio della domanda online da effettuarsi con i tempi e le modalità indicati dall’Avviso pubblico ISI 2018;
  3. conferma della domanda on line tramite l’invio della documentazione a completamento da effettuarsi nei tempi e con le modalità indicati dall’Avviso pubblico ISI 2018.”

Le tappe della procedura.

“La presentazione delle domande di accesso agli incentivi avverrà, come per i bandi precedenti, in modalità telematica, attraverso una procedura “valutativa a sportello” articolata in tre fasi. A partire dal prossimo 11 aprile le aziende interessate avranno tempo fino alle ore 18 del 30 maggio 2019 per compilare e salvare la propria domanda nella sezione “Servizi online” del sito Inail. Seguirà l’inoltro della domanda online nei giorni e orari di apertura dello sportello informatico (il cosiddetto “click day”), che saranno pubblicati sul sito dell’Istituto a partire dal 6 giugno 2019. Le imprese collocate in posizione utile per accedere al contributo dovranno poi confermare la domanda inserita online, tramite l’invio della documentazione indicata nell’avviso pubblico per la specifica tipologia di progetto.”